Elezioni politiche 2018: come si vota?

 

Il sistema elettorale con cui si svolgeranno le prossime elezioni del 4 marzo per il rinnovo di Camera e Senato è denominato Rosatellum-bis. E' un sistema misto che vede il 36% dei deputati e dei senatori eletti in collegi uninominali maggioritari (il candidato che ottiene più voti vince) e il restante con metodo proporzionale (su un listino bloccato).

Nella nostra regione, su 7 senatori solo uno è eletto con il proporzionale e per sei deputati eletti nei collegi uninominale sono invece cinque quelli eletti con il proporzionale. 

All'elettore sarà consegnata un'unica scheda per la Camera e un'unica scheda per il Senato. Potrà essere tracciato un segno sul nome del candidato del collegio uninominale oppure su una delle liste che lo sostengono, oppure entrambe le cose.

Se si vota solo la lista, il voto andrà automaticamente al candidato di collegio. Se invece si appone il segno solo sul candidato nel collegio uninominale l'insieme dei voti che avrà raccolto si riverseranno sulla coalizione che lo sostiene e saranno determinanti per la ripartizione dei collegi proporzionali.

Esempio: Ogni partito (o coalizione) si presenta in ogni collegio con un solo nome. L'elettore potrà decidere di votare direttamente il candidato mettendo un segno sul suo nome. In quel caso il voto andrà anche alla coalizione. 

Potrà anche votare una delle liste collegate a sostegno del candidato. In questo caso il voto andrà automaticamente al candidato sul collegio e al contempo premierà la lista scelta nella successiva ripartizione proporzionale.

Non è ammesso il voto disgiunto, cioè non si potrà votare un candidato di collegio e una lista collegata ad un altro candidato.

Il giorno dopo le elezioni si conosceranno i vincitori. In Sudtirolo saranno eletti tre senatori e tre deputati e altrettanti ne saranno eletti in Trentino. A questi si dovranno aggiungere un senatore e cinque deputati eletti con il proporzionale su base regionale.1

 

Quando si vota

Si vota solo domenica 4 marro 2018. I seggi restano aperti dalle 6 alle 22. Le operazioni preparatorie all’insediamento del seggio si protraggono in genere per un’ora, in quanto i componenti del seggio devono provvedere – fra l’altro – alla timbratura delle schede di voto. Si consigliano pertanto gli elettori di recarsi al seggio non prima delle 7.30, onde evitare di dover attendere troppo a lungo all’esterno della sala di votazione prima di essere ammessi al voto.
 

Documenti necessari per votare

I cittadini devono presentarsi alla sezione elettorale indicata sulla propria tessera elettorale, muniti della tessera stessa e di un documento di riconoscimento.
Chi non è in possesso della tessera elettorale, perché non l’ha mai ricevuta ovvero in caso di deterioramento, smarrimento o furto, deve rivolgersi agli uffici elettorali comunali, che resteranno aperti il 10 e 11 giugno dalle ore 9:00 alle ore 18:00 e nella giornata del 4 marzo per tutta la durata delle votazioni. A seconda dei casi, gli uffici elettorali provvederanno al rilascio della tessera, di un duplicato o di un attestato sostitutivo.

 

 

1) Fonte: http://www.ildolomiti.it/politica/2018/come-si-vota-quali-sono-i-collegi-i-candidati-e-tutto-quello-che-ce-da-sapere-sulle